1. Promozione della professione

    Per tutelare la Professione interverremo su:
    a) la tutela e promozione del titolo di “commercialista” mediante campagne divulgative di vasto respiro che facciano cogliere che i nostri obblighi deontologici (formazione continuativa, polizza assicurativa, etc.) sono una garanzia di qualità e di tutela per il cliente, ...

    VEDI DETTAGLI

    campagne che sollecitino l’acquirente di prestazioni professionali a verificare l’iscrizione del proprio professionista all’Albo e che lo portino a preferire un “commercialista iscritto all’Ordine”.

    b) lotta all’abusivismo contrastando severamente e con ogni mezzo possibile l’esercizio abusivo dell’attività professionale sia che essa venga svolta da soggetti singoli sia da enti collettivi non collegati ad un esercente riconosciuto ed iscritto all’Ordine.

  2. Attenzione per i giovani

    Perché dire giovane è dire futuro

    Svolgere la professione significa impegno, fatica, studio e ciò è ancor più difficile negli anni di avvio della professione.

    Riteniamo sia dovere dell’Ordine favorire il progressivo inserimento del giovane nel mondo professionale (iniziando già con la collaborazione con l’Università ed il mondo economico) ...

    VEDI DETTAGLI

    mirando a una professione specializzata, apprezzata e proficua, che renda onore ai sacrifici prestati.

    Tra le altre difficoltà, oggi, i giovani affrontano sempre più anche difficoltà economiche: ci impegniamo pertanto a concretizzare una giusta riduzione della quota annua d’iscrizione ai giovani iscritti under 40 anni, nonché ad implementare la stipula di Convenzioni al fine di ridurre i costi di gestione dello Studio.

  3. Aggiornamento e formazione continui

    Perché l’aggiornamento professionale garantisce qualità e opportunità professionali.

    La richiesta di consulenza nelle più diverse sfaccettature della nostra professione si fa sempre più marcata, specialistica e raffinata. La risposta non può che venire da professionisti seri, preparati e disponibili a proseguire nel cammino della loro preparazione ed a porsi sempre in gioco nella migliore delle prospettive.
    ...

    VEDI DETTAGLI

    Ordine ed altri Enti, quali La Fondazioni Bresciana per gli Studi Economico Giuridici e, ora, la Scuola di Alta Formazione della Lombardia costituiscono un solido e certo punto di riferimento per costruire il futuro dei giovani e consolidare quello dei meno giovani.

    Vogliamo costruire con tutti il Commercialista del futuro non dimenticando mai l’importanza dell’Ordine bresciano tanto nel contesto regionale quanto in quello nazionale.

    Continuità nella Formazione tendenzialmente gratuita per gli Iscritti ed impegno per una implementazione ed un miglioramento degli eventi formativi telematici in e-learning, soprattutto in favore degli Iscritti decentrati rispetto alla sede cittadina dell’Ordine.

  4. Opportunità professionali e nuove iniziative

    Perché la professione sappia cogliere opportunità dalle novità.

    Il potenziamento delle iniziative già intraprese:

    a) il servizio ADR Commercialisti Brescia per la mediazione

    b) l’Organismo di Composizione della Crisi (recentemente autorizzato) ...

    VEDI DETTAGLI

    permetterà la crescita di opportunità professionali per i colleghi. Questi due Organi, già funzionanti in seno all’Ordine, troveranno certamente nuovi sviluppi nel contesto di un sistema di regolamento delle controversie che tende ad allontanarsi dalla giurisdizione ordinaria per rivolgersi sempre più ad istituti deflattivi del contenzioso.

    Noi siamo pronti a questo evento e lo sviluppo, mediante una capillare attività di divulgazione di massa, dovrà essere subito supportato da Colleghi disponibili e preparati a tali nuove ed interessanti, funzioni.

    Occorre presidiare l’evolversi della normativa poiché la vigilanza continua permette di cogliere nuove opportunità e di offrire al corpo professionale, con tempestivo intervento, nuove fonti di reddito e rinnovata centralità.

  5. Facilitare l'interazione Ordine-Iscritto

    Perché l’Ordine sia sempre più un punto di riferimento per il Collega.

    Una razionale revisione della struttura interna dell’Ordine permetterà di migliorare il rapporto Ordine-Iscritto, anche con l’adozione di nuove funzionalità telematiche, sì da rendere ancora più efficiente e snello il servizio di Segreteria e di gestione dell’Ordine medesimo, affinché l’Ordine sia sempre più di servizio all’Iscritto.

    VEDI DETTAGLI

    L’idea, nel corso del mandato di Consiglio, è di individuare una sede dell’Ordine meglio accessibile agli Iscritti, moderna e di coerente immagine istituzionale.

  6. Rappresentanza Istituzionale

    Perché gli iscritti siano rappresentati nel rapporto con gli interlocutori quotidiani.

    Nel contesto socio economico attuale in cui si susseguono con incessante rapidità fatti, atti, uomini ed idee, l’Ordine deve essere presente ad ogni livello istituzionale, pubblico e privato, per mantenere e ravvivare, una forte e concreta rappresentanza non solo diretta alla mera presa d’atto del corpo professionale ma anche, e soprattutto, per una politica di collaborazione e di messa in campo di iniziative comuni per la crescita dell’economia e per il miglior ...

    VEDI DETTAGLI

    coinvolgimento del Commercialista nella ideazione, creazione, gestione e controllo dei nuovi progetti per migliorare il futuro della nostra categoria e degli Iscritti.

    Non solo, quindi, rapporti “istituzionali” ma strette collaborazioni ed iniziative comuni.

    Riteniamo che la Professione del Commercialista sia fondamentale per lo sviluppo dell’economia emergente e per le relazioni con i partners internazionali.

    In particolare l’azione politica di rappresentanza sarà incisiva verso:


    a) l’Agenzia delle Entrate Nostro maggior interlocutore con il quale abbiamo, da sempre, rapporto funzionale che, proprio con le direttive direttoriali impartite circa la necessità della preventiva collaborazione, dovrà trovare un maggiore sviluppo ed applicazione, l’Ordine dovrà essere più incisivo.

    Da sempre e con assoluta serietà trattiamo gli interessi dei nostri clienti avendo come sguardo principale quelli della collettività intesi come protezione dei diritti-doveri dell’Amministrazione ma anche come tutela e gestione del corretto rapporto fisco – contribuente.


    A noi tutti rendere questi rapporti in futuro sempre più fluidi e funzionali.


    b) l’Autorità Giudiziaria Su questo fronte il rapporto dell’Ordine con la Magistratura trova la più fattiva collaborazione, tanto come Ausiliari del Giudice quanto come Amministratori e Curatori di soggetti in crisi.

    La stima che la Magistratura locale ci ha sempre riservato ci sprona a migliorare sempre più il rapporto ricercando quelle soluzioni che potrebbero risultare funzionali ad una più rapida e proficua, per tutti, definizione degli atti in cui il Professionista viene chiamato a partecipare.

    In futuro primario compito dell’Ordine sarà di presidiare le future attribuzioni di funzioni esecutive tanto nel processo ordinario quanto nelle fasi dell’esecuzione forzata cercando di mantenere le nomine, soprattutto le curatele, ad appannaggio dei nostri iscritti. La categoria ha molto da dare e da dire in questo campo forte delle adeguate qualità tecnico-professionali.


    c) Enti Pubblici – amministrativi: Regione, Provincia –Associazione Comuni – Camera di Commercio

    Sarà opportuno promuovere tavoli congiunti per la disamina di temi d’interesse generale che toccano particolarmente i rapporti fra gli operatori economici e gli Enti stessi.

    Una più efficace presenza permette di percepire in anticipo le novità ed i cambiamenti suggerendo, nel contempo, le opportune idee previamente elaborandole all’interno delle nostre commissioni istituzionali.

    Il rapporto con la politica locale deve divenire stretto e collaborativo


    d) Enti Previdenziali: INPS – INAIL – D.T.L. di Brescia

    Anche con questi Enti sarà opportuno proseguire sulla strada intrapresa della reciproca e fattiva collaborazione, nel riconoscimento dei diversi ruoli ma sulla paritetica posizione di rapporto e ciò al fine di perseguire la più alta qualità del servizio professionale reso.

    Incontri periodici ed iniziative comuni potranno condurre ad una economia di tempo e di investimento realizzando un attento monitoraggio delle problematiche via via emergenti.

  7. Collegamenti internazionali

    Perché la professione possa avere uno sguardo territorialmente sempre più ampio

    Tramite le strutture idonee: Consiglio Nazionale, Camere di Commercio, Ministero degli Esteri, Università e Scuola di Alta Formazione della Lombardia potrà essere attivata una rete di collaborazione con Ordini professionale europei ed extraeuropei sì da consentire ai Colleghi di essere completamente ...

    VEDI DETTAGLI

    presenti nel contesto economico generale per collaborare, quali attori propositivi, nella internazionalizzazione delle nostre imprese.

    A nessuno sfugge quali e quante nuove opportunità potranno scaturire dalla rete di cooperatori professionali a livello internazionale.

- candidato presidente -

single-candidate

Michele  De Tavonatti

Per 13 anni consigliere e per altri 3 vicepresidente dell’Ordine sempre con delega agli Enti pubblici.

Negli ultimi 4 anni si è dedicato alla Fondazione bresciana per gli studi economico giuridici ed alla Fondazione Nazionale dei Commercialisti - FNC Roma - quale consigliere con delega agli Enti Pubblici.

È nato a Brescia nel 1963, iscritto all’Ordine di Brescia dal 1990.

- candidato vice-presidente -

Eugenio  Vitello

Vice Presidente Collegio dei Ragionieri di Brescia e dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti Contabili di Brescia 2008 – 2012, è stato componente della Commissione Nazionale “Deontologia ODCEC” 2005 – 2012.

Docente del Corso Biennale per la preparazione esami di Stato per dottori commercialisti di Brescia, è laureato in Economia e Commercio e in Giurisprudenza ed è iscritto all’Ordine dal 1988.

single-candidate

- candidati consiglieri -

single-candidate

giacomo  ducoli

single-candidate

patrizia  apostoli

single-candidate

francesco  landriscina

single-candidate

armando  biena

single-candidate

elisabetta  bombana

single-candidate

claudio  uberti

single-candidate

maurizio  quaranta

single-candidate

davide  felappi

single-candidate

andrea  malchiodi

single-candidate

fabrizio  felter

single-candidate

rosa  billone

single-candidate

graziella  canditti

single-candidate

giovanni  e. morello

single-candidate

diego  rivetti

single-candidate

paolo  vollono

single-candidate

ombretta  filippini

single-candidate

alessandro  conter

single-candidate

pierluigi  riva

- indicazione di voto per i candidati revisori -

single-candidate

giuseppe  bono

single-candidate

dario  brambilla

single-candidate

luigi  calderara

single-candidate

francesco  riva

single-candidate

elisabetta  valzelli

- Come / Dove / Quando -

Elezioni del Consiglio

L’espressione di una singola preferenza determina l’assegnazione del voto alla lista alla quale appartiene il candidato votato. Se per una stessa lista viene indicato un numero inferiore di preferenze rispetto ai Consiglieri da eleggere, il voto viene attribuito alle preferenze espresse e alla lista cui appartengono i candidati votati.

Nel caso in cui risulti votata la sola lista, in assenza di preferenze espresse, si considera espressa preferenza per ciascuno dei candidati presenti in lista, seguendo l'ordine di lista, fino al numero massimo dei Consiglieri da eleggere, escluso il Presidente.

Se per una stessa lista viene indicato un numero maggiore di preferenze rispetto ai Consiglieri da eleggere, il voto viene attribuito alla lista mentre tutte le preferenze si considerano non apposte.

In caso di preferenze espresse su più liste il voto non si considera valido e la scheda è nulla.

Elezione del Collegio dei Revisori

Ciascun elettore potrà esprimere tre preferenze per i candidati ammessi. Se viene indicato un numero inferiore di preferenze, il voto viene attribuito alle preferenze espresse. Se viene indicato un numero superiore di preferenze, il voto è nullo.

elezioni per il consiglio direttivo ed il collegio dei revistori della circoscrizione del tribunale di brescia

3 e 4 Novembre 2016

3 novembre dalle 10:00 alle 19:00

4 novembre dalle 10:00 alle 16:00


Presso la Sala Bruno Boni del Museo Mille Miglia

Viale della Bornata, 123,
25135 S. Eufemia Brescia (BS)



 scarica il programma elettorale completo

- le ultime news -

  •           11/08/2016

    Michele De Tavonatti informa i colleghi della propria candidatura, del gruppo di lavoro e dei principi ispiratori

    Cara Collega, caro Collega, il 3/4 novembre p.v. saremo chiamati ad eleggere il nuovo Consiglio Direttivo ed il nuovo Presidente. La mia candidatura a presidente trova le sue radici nella passione ed in una "gavetta istituzionale" di 13 anni da consigliere e 3 da vice presidente. Negli ultimi 4 an...

    LEGGI QUESTO ARTICOLO